Dalla Pelle alla Psiche Profonda, la Piramide Olfattiva del Profumo

Profumi Piramide OlfattivaQuando scegliamo un profumo, in un negozio web oppure consultando la confezione o il materiale di comunicazione che accompagna il flacone fisico, ci imbattiamo regolarmente nella segnalazione della sua ‘piramide olfattiva‘, scomposta in note di testa, note di cuore e note di fondo o di base.
Come leggere queste indicazioni convenzionali per farsi un’idea concreta della fragranza considerata?

La piramide olfattiva è una visualizzazione teorica del grado di evaporazione di tutti i componenti del profumo e della loro persistenza. I tre livelli permettono di illustrare lo sviluppo temporale della fragranza.

  1. Le note di TESTA si presentano fresche e leggere, di debole persistenza e scompaiono in pochi minuti: sufficienti però a far nascere la voglia di esplorare la fragranza. Ecco perché parliamo di questa fase anche come del “volo del profumo”, e generalmente si esprime con note di agrumi, piante aromatiche e note acquatiche o marine.
  2. Le note di CUORE, di persistenza media, sono in genere più potenti, più consistenti delle note di testa. Possono ‘durare’ sulla pelle anche due o tre ore e nella loro maggioranza intrecciano gli odori dei fiori, della frutta e le note verdi, costruendo l’autentica ricchezza del profumo e della sua “scia”.
  3. Infine, le note di FONDO: si tratta di quelle che evaporano con più lentezza, che colpiscono i sensi a un livello più profondo e sono in grado di persistere addirittura per giorni. Legni, note ambrate, muschi, vaniglia, note animali, spezie ecc., raccontano l’autentica “personalità” del profumo, chiave per la fedeltà di chi lo sceglie.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>