Voglia di tatuaggio

Con l’estate ci si scopre e si mettono in mostra parte del nostro corpo che possono avere una “firma” un “messaggio” a noi caro, un tatuaggio.

Ma vediamone la storia

Il termine tatuaggio deriva da “tattau“, che in lingua locale significa “marcare“.Un tempo era praticato sui guerrieri perché si credeva fornisse protezione. Poi diventò segno di distinzione (come una medaglia appuntata al petto del reduce). Non era raro che marito e moglie avessero inciso sul braccio lo stesso disegno. Questa usanza, ostacolata dai missionari che 1797 sbarcarono a Tahiti, è rimasta sempre viva nelle isole Marchesi e sta tornando in voga anche nel resto della Polinesia.

Il tatuaggio, per alcune culture, aveva la prerogativa di esprimere un significato mistico-simbolico, ma nell’epoca moderna il tatuaggio ha un significato diverso per ogni individuo: c’è chi si tatua per simboleggiare un qualcosa, come c’è chi lo fa per pura moda o ancora chi lo fa per svariati motivi personali.

Alla fine possiamo dire che il tatuaggio esprime l’animo di chi lo porta!

Ma ora vediamo quali sono le cure necessarie per mantenere a lungo la pigmentazione del tatuaggio.

Innanzitutto è molto importante la protezione del tatuaggio dal primo sole che deve essere preso con delle creme ad alta protezione; un consiglio è quello di ripetere questa procedura all’inizio di ogni estate se si vuole avere per sempre un tatuaggio con dei colori brillanti e duraturi.

Per capirci in modo molto elementare, pensate che il colore del tatuaggio si comporta un po’ come la verniciatura della macchina: se la lasciate sempre al sole senza proteggerla, la vernice scolorisce e diventa opaca.

È anche molto importante scegliere il tatuatore giusto, sia per non avere un tatuaggio che subito svanisce sia, soprattutto, per non rischiare la salute a causa di norme igieniche non rispettate.

Ma vediamo quali sono le prime norme igieniche che il tatuatore deve rispettare:

Aghi rigorosamente monouso

Attrezzatura sterilizzata per mezzo di autoclave che, sfruttando il potere del vapore acqueo saturo e ad alta pressione, riesce a sconfiggere qualsiasi tipo di germe, fungo o virus.. (ricordiamoci che il più duro da debellare è l’epatite virale di tipo C che muore alla temperatura di ben 118 gradi alla pressione atmosferica).

Guanti monouso in lattice, se possibile anch’essi sterili

Mascherina e camice

-Oltre a tutto ciò ci sono quelle famose norme igieniche e di cura che una persona dovrebbe adottare anche per una semplice e comune ferita, ricordandosi però che il tatuaggio è sì una ferita, ma con la differenza che al di sotto dei primi due strati di pelle c’è del pigmento.

-La cosa più importante, infine, è di non farsi tatuare da gente incompetente e non autorizzata, che lavorano in casa e soprattutto in ambienti non idonei e non puliti! Quindi non lasciatevi abbagliare da chi vi fa spendere poco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>