Se potessi vorrei..

….le gambe di Cheryl Cole

Altra un metro e sessanta, la cantante inglese ha lasciato il segno nell’immaginario femminile stando a un recente sondaggio pubblicato dal quotidiano britannico Daily Mail, le donne vorrebbero le sue gambe perché sono ben proporzionate e hanno un disegno perfetto.caviglie sottili, polpacci slanciati, cosce toniche.

Ma se quelle di Cheryl Cole sono un dono di natura, noi possiamo darci da fare per eguagliarla.

Ecco come

1 La cellulite è la nemica numero uno delle nostre gambe; è per questo che al primo segnale devi intervenire in maniera adeguata, prima che diventi un problema più serio. Per combatterla non serve saltare i pasti e nemmeno sottoporsi a diete drastiche. Occorre modificare le tue abitudini a tavola in modo da garantire all’organismo un adeguato apporto di tutti i principali nutrienti, senza appesantirlo.

2 Per prima cosa devi abolire tutti i fuoripasto(merendine, focacce, aperitivi), i fritti, gli insaccati e i dolci; e poi devi introdurre a volontà nella tua dieta, frutta e verdura. I metodi di cottura devono essere semplici, per esempio alla griglia, o al vapore, che non richiedono l’aggiunta di grassi e condimenti.

3 Per avere risultati più soddisfacenti, devi sempre abbinare la dieta all’attività fisica che mette in moto i muscoli, migliora la circolazione sanguigna, brucia i grassi e ossigena, nutre e tonifica i tessuti. Gli sport utili per abbattere i cuscinetti sono il nuoto, la bicicletta e la cyclette, lo step e lo jogging.

4 Bevi molto durante la giornata, iniziando dalla mattina appena sveglia, prima di fare colazione e poi continua durante il giorno anche con tisane varie che, oltre ad idratare i tessuti, hanno anche una funzione depurativa e diuretica. Puoi prepararle utilizzando menta e tiglio,oppure verbena e lavanda o ancora timo e salvia.

5 Mettile in infusione, per cinque minuti, in una tazza piena di acqua bollente, filtra, addolciscila con miele e bevila calda subito dopo i pasti o prima di andare a dormire. Ai trattamenti estetici puoi ricorrere solo nei casi più gravi. Il più efficace è il linfodrenaggio manuale che consiste in lievi e delicate manovre di sfioramento che agisce sui canali dove scorre la linfa, il liquido che raccoglie le sostanze di scarto dell’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *