Gli Inestetismi della Cellulite

Sostanze Naturali per Combattere la CelluliteL’adiposità localizzate sottocutanea è caratterizzata da abnorme deposito di lipidi a livello del tessuto sottocutaneo. Vi sono zone del corpo che hanno maggiore tendenza, rispetto ad altre, a presentare accumuli di grasso e la formazione di “cuscinetti adiposi”.

Queste zone sono: addome, la parte posteriore del collo, i fianchi, la radice delle cosce e delle braccia, i glutei ed i lati delle ginocchia. Questa localizzazione di grasso colpisce sia la donna che l’uomo.
I cuscinetti sono costituiti da tessuto adiposo che, a sua volta, è formato da tessuto interstiziale di sostegno e da particolari cellule, gli adipociti, contenenti nel citoplasma una goccia di grasso.

Gli adipociti sono normalmente rotondi, ma possono cambiare forma mediante una pressione reciproca. Gli adipociti occupano un volume importante che riempie lo spazio. Queste cellule sono raggruppate in piccoli gruppi limitati dal tessuto connettivo.

E’ questo tessuto che contiene i vasi che eliminano le scorie delle cellule e fornisce loro l’ossigeno di cui hanno bisogno. Questo accumulo di grasso è necessario: è la nostra riserva di energia.

Il Tessuto Sottocutaneo separa e isola il derma dalle membrane fibrose che circondano le parti sottostanti profonde, come i muscoli. Lo spessore della pelle varia enormemente in funzione del soggetto, dell’età, del peso del sesso e della condizione nutrizionale. Questo tessuto fornisce anche una protezione meccanica ed ha un ruolo essenziale nel processo di regolazione della temperatura.

Il Metabolismo Cellulare: a seconda dei requisiti del corpo, questi grassi vengono trasformati in acidi grassi dall’azione degli enzimi (lipolisi), ma questo meccanismo può non funzionare ed in questo caso ci troviamo di fronte a un accumulo anomalo di grasso negli adipociti. Gonfi di grasso, la loro dimensione aumenta, comprimendo i vasi.

La circolazione viene bloccata: vi è un accumulo di acqua e scorie. Il tessuto connettivo si ispessisce e gli adipociti ipertrofici necessitano più spazio; la pelle acquista un aspetto spento.

L’immagazzinamento prolungato e il rilascio di acidi grassi liberi (FFA) sono funzioni specifiche dei tessuti adiposi; gli FFA sono biologicamente essenziali, poiché essi formano un substrato speciale che soddisfa le richieste di energia del corpo, pur preservando l’uso delle riserve di glucosio e la mobilizzazione eccessiva di proteine durante i periodi di intensa attività.

Riepilogando la lipolisi è la mobilizzazione degli acidi grassi liberi e della glicerina. E’ stimolata da stress fisiologico o fatica. L’accumulo o il rilascio di acido grasso sono regolati da messaggi specifici inviati agli adipociti.
Studi recenti hanno scoperto che esistono delle sostanze vegetali, provenienti da un particolare tipo di alga marina, che agiscono come messaggero per il recettore collocato negli adipociti; una molecola contenuta in questo “complesso lipolitico vegetale” sembra utilizzare l’epidermide come strumento di comunicazione per provocare la lipolisi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>