I Numeri della Cosmesi

La settimana scorsa abbiamo parlato dei numeri della pelle. Questa settimana, invece, parleremo dei numeri della cosmesi in Italia: quanto incide questo settore sul mercato interno, quanto esportiamo, quali sono i punti di forza e quali quelli di debolezza.

Il Fatturato Cosmetico 2014

L’anno di riferimento sarà, per ogni grafico, il 2014 (i dati del 2015 potrebbero risultare, infatti, incompleti).

Il mercato cosmetico risente relativamente della crisi, presentando una lieve contrazione del -1,4% per quanto riguarda il mercato interno. Ciò viene, però, compensato da un amento delle esportazioni del +4,9%, che non solo permette alle imprese italiane del settore di mantenere in pari il bilancio, ma consente spesso anche un incremento. La produzione globale cresce, infatti, quasi del +1%, confermando la stabilità complessiva del settore, nonostante alcune oscillazioni del mercato domestico.

Sapevate che il 65% dei prodotti beauty in tutto il mondo è prodotto in Italia?
Come risulta in evidenza dal grafico i consumi relativi al settore cosmetico si aggirano attorno ai 9400 milioni di euro. Ma quali sono i canali preferiti dai consumatori della penisola?

mercato cosmetico 2014
Il comparto della profumeria è in lieve calo. Il lusso, la vivacità e il fascino di questo tipo di ambiente, nonostante mantenga una percentuale alta, registra uno spostamento negativo, a differenza dell’ambiente farmaceutico che è in aumento del +1,1%.

Con l’avvento di un consumo sempre più consapevole, chi acquista ricerca determinate qualità: sicurezza, competenza ed efficacia. E quale luogo, se non la farmacia, è in grado di fornirle? Il web è overfull di indicazioni, tips ed consigli, ma seppur categorizzati in base al tipo di pelle e ai connotati estetici, non saranno mai personalizzati e specifici abbastanza quanto un’analisi fornita da un farmacista competente in materia. E i dati lo provano.

Anche le vendite dirette sono in notevole crescita a dimostrazione che una valutazione con confronto immediato e non autogestito viene preferita dai consumatori che vogliono sentirsi sempre più coccolati e rassicurati. A tal ragione è in netto calo, con un valore negativo del -1,9% la grande distribuzione che dimostra come il consumatore oggigiorno preferisca la qualità del prodotto alla mera politica di prezzo favorevole.

Ma passiamo a qualche curiosità: qual è secondo voi la regione che ha il consumo più elevato di prodotti cosmetici?
consumo regionale prodotti cosmetici

La Lombardia! Seguita da Lazio, Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte anche se, analizzando le province, Napoli e Bari si inseriscono tra le prime cinque. Suddividendo le regioni tramite il criterio delle aree Nielsen, i consumi sembrano, però, allocati sul medesimo livello.

Ciò dimostra che nonostante il periodo di crisi che stiamo attraversando il consumatore non è disposto a rinunciare ai prodotti per la cura del suo benessere esteriore che, sempre più spesso, si riflette su quello interiore.
E voi? Cosa ne pensate? Vi rivedete in qualche statistica? Fatecelo sapere con un commento :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>