Addio alle misure 90-60-90


Un girovita snello non solo dà armonia e fascino alla figura ma mette anche al riparo dai disturbi cardiovascolari. E’ dimostrato, infatti, il legame tra circonferenza addominale e rischio di malattie metaboliche e cardiovascolari. Un numero importante, che tutti dovrebbero conoscere, è l’IMC, l’indice di massa corporea.

Stabilisce se si è in forma , in sovrappeso, sottopeso o obesi. I ricercatori stanno mettendo a punto metodi sempre più sofisticati per valutarlo. Diamo i numeri, è il caso di dirlo. L’IMC si ottiene dividendo il proprio peso (in chilogrammi) per l’altezza (in metri) al quadrato.

Il numero che si ottiene , se è fra 18,5 e 24,9, indica una situazione di normalità, fino a 29,9 segnala sovrappeso, oltre 30 obesità. Nick Trefethen, matematico di Oxford, ha però elaborato un nuovo algoritmo si moltiplica il peso per 1,3 e poi si divide il risultato ottenuto per l’altezza elevata a 2,5. Questo metodo, anche se complicato, è più minuzioso e corretto in particolare se la persona è molto alta (più del metro e 82) o bassa (sotto il metro e mezzo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *